Pubblicità - Advertisement
Il sito ufficiale di Ferdinando Camon

Ferdinando Camon


"Occidente" e la strage di Bologna

 

Franco Freda aveva una libreria in via Patriarcato, accanto al Liviano. Era aperta solo al giovedì, dalle 22 alle 24. Aveva materiale fascista, nazista, maoista, italiano, tedesco, romeno. Anche materiale proibito per legge. Non aveva vetrina, ma una saracinesca, sempre abbassata. Sul campanello c'era scritto "Ar". E' la radice di Ariani, Ares, aretè, aristocrazia: i termini che indicano guerra, razza superiore, virtù militare. Tra i libri che ho acquistato lì ce n'era uno importantissimo: pubblicato senza nome dell'autore, esponeva le ragioni per cui "bisognava fare una strage", ma "una strage dalla quale non uscissero che fantasmi", e dopo la quale il popolo, inginocchiato, si consegnasse a chi solo poteva garantirgli la sicurezza. Da quel libro estrassi alcune frasi, e le calai nel romanzo che stavo scrivendo, "Occidente". Il romanzo esce e la Rai ne ricava un film (brutto). Franco Freda si riconosce nel film e cita la Rai in tribunale. Ma in quel momento si conclude il processo per la strage di Piazza Fontana del 12 dicembre 1969, lui è condannato all'ergastolo, perde i diritti civili e il processo non ha luogo. In appello viene assolto dalla strage e condannato (non all'ergastolo) per altri reati. Combiniamo un incontro: sapevo che in carcere aveva letto e postillato "Occidente", volevo vedere quelle note. Vado all'incontro, a Brindisi. Parliamo per quattro ore. Lui sosteneva il diritto del capo di disporre delle vite comuni, perché il capo ha un compito e gli uomini comuni no, e solo la vita di chi ha un compito ha un senso. Spiega che il capo trema nell'adempimento di questo compito, di cui non è padrone ma schiavo. Mi accusa di Cristianesimo e mi disprezza. Io so bene che lui è stato condannato per strage e poi assolto, ma so anche che quell'opuscolo sulla necessità della strage è suo: se io ho costruito un personaggio che fila dritto verso la strage, l'ho costruito sulle sue parole. Gli chiedo dunque: "Lei è innocente?". Scandisce: "E' innocente non colui che è incapace di peccare, ma colui che pecca senza rimorsi". Mi parve una confessione. Come se dicesse: "Ho fatto la strage, ma possiedo un codice morale che mi assolve". E' una spiegazione che vale per tutti gli stragisti, fascisti, nazisti, comunisti, Eta, Ira, Al Qaeda: dopo la strage sono più "santi" di prima. Le pagine di "Occidente" in cui metto le frasi sulla necessità di una grande strage, sono utilizzate dall'Avvocatura dello Stato nell'accusa per la strage di Bologna, e nella sentenza di condanna (ergastolo): perché quelle pagine sono state trovate nel covo dove si riuniva la cellula neofascista incriminata e poi condannata: la cellula se le era riscritte a mano, tutte in maiuscolo, su un quaderno, per discuterle  e impossessarsene. Lì sta il  "movente" della strage di Bologna. La cellula era composta di quattro-cinque persone, ma i capi erano due, Giusva Fioravanti e Francesca Mambro. Avrebbero fatto la strage partendo da Treviso e tornando a Padova, in Prato della Valle, perché era sabato, e al sabato in Prato della Valle (la piazza più grande d'Europa) c'è un affollatissimo mercato, dunque sarebbero stati visti da molti, e avrebbero avuto un alibi poderoso. Non gli è servito.

(2007)

 

Contattare il webmaster | design © 2005 A R T I F E X
© 2001-2011 Ferdinando Camon.
Ai sensi della legge 62/2001, si precisa che il presente sito non è soggetto all'obbligo dell'iscrizione nel registro della stampa, poiché è aggiornato a intervalli non regolari. Il sito è ospitato da Register